Technical SEO

Da Semrush un rapporto sui più comuni errori SEO

E’ stato diffuso a metà agosto un rapporto di Semrush - il più popolare tool per l’analisi del proprio sito web e di quelli dei competitori - che analizza i principali errori che riguardano l’ottimizzazione dei siti e il loro posizionamento. Attraverso Site Audit, uno degli strumenti della piattaforma di analisi SEO, sono stati raccolti ed analizzati i dati di 100.000 siti web e 450 milioni di pagine. E’ stata quindi elaborata una sorta di classifica degli errori SEO più frequenti e delle azioni più comuni adottate per azioni SEO on-site.

Nessun sito può rinunciare alla SEO. Da Menlo Park informano che il popolare motore di ricerca elabora i risultati in SERP sulla base della qualità dei contenuti: Content is king è il claim sempre presente nelle comunicazioni ufficiali di Google ai webmaster. E’ tuttavia esperienza di chiunque si occupi di posizionamento sui motori di ricerca che le tecniche SEO che agiscono on-page condizionano fortemente la posizione all’interno dei risultati proposti dal motore di ricerca.

Il miglioramento dei contenuti attraverso una sapiente scrittura orientata al web writing, l’ottimizzazione delle immagini e dei tag, l’utilizzo di keyword long tail e dei link interni sono solo alcune delle azioni che riguardano la SEO on-page.

Il Rapporto di Semrush 2017 è stato realizzato quest’anno sulla base di verifiche che hanno riguardato tre fattori fondamentali: Crawlability. La facilità e completezza di scansione di un sito da parte dei crawler dei motori di ricerca è un elemento che influisce fortemente sulla loro indicizzazione, favorendo il posizionamento di quelli più facilmente analizzabili e navigabili.

Ottimizzazione on-page. Essa riguarda tecniche che agiscono sulla qualità dei contenuti attraverso una ottimizzazione dei testi, delle immagini e dei tag, l’utilizzo di keyword long tail, dei link interni e dei backlinks, per citare solo alcune delle azioni che riguardano la SEO on-page. Anche la scelta del dominio, dei file robots.txt, e tanti altri aspetti incidono sulla ottimizzazione.

Seo Tecnico. La Technical Seo agisce sugli aspetti tecnici della ottimizzazione di siti e pagine web. Il miglioramento dell’architettura, la distribuzione dei elementi statici, un CSS responsive, la struttura degli URL e la configurazione del server agiscono fortemente sul posizionamento organico.

Quali gli errori più frequenti?

La infografica diffusa da Semrush offre indicazioni interessanti, per alcuni versi inaspettate:

Crawlability

Oltre l’80 per cento dei siti analizzati presenta errori 4XX. Si tratta di messaggi di errore che riguardano l’interazione tra client e server, relativi a risorse che il server non trova o non è abilitato a fornire. Il più comune è l’errore 404, relativo a risorse non trovate. Un altro errore piuttosto diffuso è il 400, relativo a problemi di sintassi. Solo il 10 per cento degli errori http rinvenuti sono 5XX, ovvero problemi presentati dal server. Raggiungono poi circa il 30 per cento gli errori che riguardano link interni o esterni interrotti o con l’attributo no follow.

Numerosi anche i problemi con i redirect. Nel commento ai dati, Semrush evidenzia che un sito su 2 di quelli oggetto della ricerca ha problemi con i link. Il rapporto evidenzia anche problemi anche con la sitemap: il 35 per cento dei siti analizzati non la ha o non non l’ha indicata correttamente nel file robots.txt.

Ottimizzazione on-page

Oltre il 93 per cento dei siti esaminati ha un basso rapporto Testo/HTML. Il Text/HTML è il rapporto tra le porzioni di testo visibili all’utente rispetto alla quantità di testo presente nel codice HTML. Spesso si può agire sul codice, ad esempio spostando dalla pagina stringhe di CSS o JS inline comuni a più pagine. Il 70 per cento dei siti presenta contenuti duplicati, ed oltre la metà dei siti ha metadescription mancanti o duplicate.

SEO Tecnico

Anche riguardo agli aspetti che riguardano la Technical SEO gli errori sono frequenti. Il più rilevante riguarda la velocità di caricamento, inadeguata nel 23 per cento dei siti. Si può agire su questi aspetti attraverso l’adozione di un hosting professionale, di un CDN, o Content Delivery Network, o intervenendo su JavaScript e codice CSS. Anche le immagini presentano errori: il 65 per cento di quelle analizzate non presenta il tag alt.

Uno dei servizi principali offerti da ByTek Marketing è quello della consulenza SEO, che viene svolta anche per marchi noti a livello nazionale. Contattaci se cerchi una consulenza SEO o attività di Digital PR.

Condividi questa pagina


Da Semrush un rapporto sui più comuni errori SEO

bytek | 11 September 2017

News

Potrebbe interessarti anche

Siamo parte del gruppo

Datrix SPA
Insieme a

Innova insieme a noi

Condividi con noi i tuoi obiettivi e scopri come possiamo crescere insieme

© 2020 ByTek SRL - P. IVA: 13056731006 - REA: MI - 2562796 - Privacy Policy - Cookie Policy